Accollo del mutuo: ne hai mai sentito parlare?

Hai mai sentito parlare di accollo del mutuo? Sai cos’è, quando si può fare e a cosa serve?

L’accollo è uno strumento finanziario tramite il quale un debitore subentra ad un altro per il pagamento del mutuo. Con questo tipo di strumento è possibile vendere casa con un mutuo in essere. L’accollo prende formalmente il via al momento del rogito, che avviene come in qualsiasi compravendita di immobili al momento del passaggio di proprietà.


📌 Pro e contro
Chi acquista un immobile accollandosi il mutuo beneficia di un risparmio sui costi. Infatti, l’accollante non paga l’istruttoria, la perizia, l’imposta sostitutiva e il costo del notaio relativamente all’atto di mutuo (non necessario con l’accollo) perché sono costi già sostenuti da chi ha contratto il mutuo e non previsti in caso di accollo.

Tuttavia, il tasso applicato è quello fissato originariamente dall’accollato in fase di accensione del mutuo, e non è modificabile al netto di una rinegoziazione postuma all’accollo, che la banca potrebbe però non concedere.

Articolo precedente

Che cos’è la CILA?

Articolo successivo

Conosci la nuda proprietà?

Confronta Strutture

Confronta